Estinguere un Finanziamento Auto

Estinguere un Finanziamento Auto
L’estinzione di un finanziamento può avvenire principalmente per due ragioni: il rimborso totale delle rate pattuite o perché si richiede alla banca o società finanziaria erogatrice di rimborsare il prestito residuo anticipatamente, ottenuto per l’acquisto di un’auto nuova o usata.

Nel primo caso, siamo di fronte a un’estinzione naturale, che non necessita di alcuna richiesta, in quanto avviene da sé. In sostanza, il debitore ha rispettato gli impegni assunti e ha rimborsato tutte le rate del prestito ottenuto, il quale, appunto, si è estinto.

Diverso è il secondo caso, ossia, quando il debitore fa richiesta di estinguere anticipatamente il capitale residuo preso a prestito. Qui, il discorso si amplia e bisogna anche introdurre qualche concetto sull’opportunità o meno e quando di estinguere un prestito in anticipo.

E’ il caso in cui un debitore, avendo ora la liquidità necessaria per ripagare il finanziamento ottenuto, decide di non attendere le scadenze pattuite con la banca o società finanziaria, bensì di rimborsare in un’unica soluzione il capitale residuo ancora in debito.

Ciò può avvenire semplicemente per evitare il fastidio del pagamento periodico delle rate, o anche per porre fine a un finanziamento, risultandone liberato già subito.
Ma la ragione più ricorrente è la convenienza: chi decide di estinguere un finanziamento in anticipo, lo fa, perché avendo per ragioni varie ottenuto la liquidità che prima non possedeva, ritiene più conveniente pagare subito il capitale residuo, piuttosto che pagarci sopra gli interessi.

Tuttavia, onde evitare di fare scelte sbagliate, bisogna capire il momento oltre il quale diventa non più conveniente estinguere un finanziamento anticipatamente.
La rata di un prestito da rimborsare è composta, infatti, da una quota capitale e da interessi sul capitale ottenuto in prestito. Nel primo periodo del finanziamento, quindi, è altissima la quota degli interessi pagati, mentre è bassa la quota del capitale (ammortamento francese). Questo fa sì che convenga, se si ha la disponibilità, il prestito in anticipo, proprio in questa fase, per evitare di pagare gli interessi sul capitale residuo.

Man mano, invece, che passa il tempo, si riduce sempre più la convenienza, fino al punto in cui, essendo bassissimi gli interessi, e altissima la quota capitale delle rate residue, non conviene più estinguere in anticipo il prestito; e ciò accade nella fase finale del rimborso, poiché la penale richiesta dalla banca o società finanziaria dell’1% del capitale residuo sarebbe più alta degli interessi sullo stesso capitale.

Va sottolineato che la penale dell’1% non è compresa nel TAEG indicato, poiché è una eventualità, non un interesse certo.

Per procedere l'estinzione anticipata di un finanziamento: qualunque esso sia, è necessario richiedere alla finanziaria il conto estintivo e procedere con un bonifico dell'importo indicato a favore della stessa facendosi rilasciare una liberatoria dell'avvenuto saldo del finanziamento.